U.N.L.A. - Centro di Cultura per l'Educazione Permanente  -  SS 106 Palazzo Comunità Montana "Aspromonte Orientale"   -    Bovalino (RC)

Unione Nazionale per la Lotta contro l'Analfabetismo

u.n.l.a. Bovalino

  

www.unla.it

 

   HomeNewContatti   Riconoscimenti   Dicono di noi 

 

Santo Gioffre'

Santo Gioffrè è nato a Seminara. È medico-ginecologo presso l’Ospedale di Palmi. Dal 1998 al 2002 è stato Assessore alla Cultura della Provincia di Reggio Calabria. Autore di numerosi articoli giornalistici sulla storia e la cultura della Provincia di Reggio Calabria, ha pubblicato tre libri, due di ricerca storica sulla città di Seminara ed un romanzo storico, Artemisia Sanchez, dal quale la Rai trarrà una fiction televisiva nel 2005.

 

Il Libro: LEONZIO PILATO

Durante il viaggio che lo porta in nave a Venezia, l’ambasciatore Nicola Sigero riconosce uno tra i maggiori cultori della lingua e della letteratura greca del XIV secolo: Leonzio Pilato. Spinto da grande curiosità chiede al suo compagno di viaggio di narrargli la sua vita. Leonzio Pilato inizia, così, il racconto del suo “viaggio” umano e culturale dalla natìa Calabria ai maggiori centri culturali dell’epoca. Il romanzo narra la dura giovinezza del celebre calabrese nato a Seminara, dove le popolazioni di lingua greca subiscono la feroce politica – si direbbe oggi – di pulizia etnica degli Angioini, e per la quale Pilato vede sterminata la propria famiglia. La fortuna del nostro è quella di incontrare e avere come maestro, nel monastero di Sant’Elia, il celebre monaco Barlaam, da cui apprende le fondamenta della cultura classica. Insieme si trasferiscono alla corte di Napoli, da dove Leonzio parte poi per Creta, l’isola in cui vive una sofferta storia d’amore con una nobildonna, e che lascia dopo 10 anni per raggiungere lo Studium di Padova. È proprio qui che conosce Francesco Petrarca, per il quale traduce in latino, e per primo, l’Iliade e l’Odissea, e con il quale vive un rapporto difficilissimo. Con Boccaccio, invece, il sodalizio personale e culturale è più felice; gli insegnamenti di Leonzio risultano fondamentali, tra l’altro, per la composizione della Genealogia degli Dei Gentili. La curiosità a Padova per la cultura greca è grande e Leonzio la soddisfa traducendo in latino Le Pandette di Giustiniano, la Fisica di Aristotele, l’Ecuba di Euripide, distinguendosi per i suoi modi bruschi ed il suo aspetto trasandato. Nel 1363, in fuga dall’Italia e in seguito all’ennesima lite con Petrarca, parte per Costantinopoli, una città ormai morente, dalla quale si sente respinto. Progetta quindi di tornare a Venezia, ma una tragica fatalità non gli farà portare a termine il viaggio.

 

Ristorante "Orchidea Residence" SS 106 - Bovalino Marina (RC)

8 luglio 2005


Ore 18.30

Saluto del Sindaco di Bovalino
Dott. Francesco Zappavigna

Saluto dell’Assessore ai Beni Culturali del Comune di Bovalino
Rag. Rosa Maria Caminiti

Prof. Domenico Agostini
Dirigente UNLA
«La parola scritta tra fiction e reality show»

Dott. Santo Gioffrè
«Leonzio Pilato»

Dibattito

 

Da sinistra: Santo Gioffrè, Domenico Agostini, Francesco Zappavigna sindaco di Bovalino, Paolo A. Graziano collaboratore UNLA

 

                                         Home    NewContatti Accreditamenti    Dicono di noi